domenica 8 giugno 2014

Gomorra - La serie



Quando ho letto per la prima volta che Sky stava per trasmettere una serie basata sull'omonimo romanzo di Roberto Saviano sono rimasta perplessa e anche un pò annoiata dall'idea. Ero convinta si trattasse del solito prodotto, la solita "italianata" che avrebbe messo ancora una volta in cattiva luce quel poco che c'è di buono nella mia sfortunata ma bella e verace regione ( si...sono campana!). Nonostante questo ho deciso di dargli una possibilità non solo perchè non ero mai stata delusa dalle produzioni Sky ma anche perchè ancor prima essere trasmessa già se ne era parlato parecchio bene.


Dopo aver visto le prime due puntate circa un mese fa, sono rimasta totalmente rapita ed anche incredula da quello che ho visto perchè noi italiani siamo da sempre abituati a produzioni imbarazzanti e di basso livello e per la delusione tendiamo a rifugiarci nelle grandi serie tv americane o inglesi (Game of Thrones, Mad Men, Breaking Bad...) che stanno raggiungendo dei livelli di perfezione così alti da poter essere paragonate ai grandi capolavori del cinema sia per le interpretazioni dei protagonisti, che per i costi di produzione e le storie raccontate.

Gomorra è una serie incredibile, non solo perchè rappresenta in modo schietto la realtà sociale nelle zone del napoletano e del casertano senza fronzoli o happy end ma anche per il modo e la cura con cui è stata prodotta, che non ha proprio nulla da invidiare a produzioni estere. La serie ruota attorno alle vicende del clan camorrista dei Savastano e delle "lotte" per il controllo della zona di Secondigliano e paesi limitrofi. La prima cosa che mi ha colpito particolarmente sono state le ottime interpretazioni degli attori protagonisti: Fortunato Cerlino, il boss Pietro Savastano, è di una bravura incredibile, riesce davvero ad incutere quel terrore e quella supremazia che i "signorotti" dei piccoli paesi hanno rispetto a tutti gli altri cittadini; Maria Pia Calzone, Donna Imma, che per la sua freddezza e il suo distacco riesce a far paura forse ancor più del marito e a cui tutte le donne rivolgono preghiere e richieste d'aiuto come se fosse una vera e propria salvatrice. Ma le vere e proprie rivelazioni sono Marco D'Amore e Salvatore Esposito, rispettivamente Ciro l'immortale, braccio destro della famiglia Savastano e Genny, il figlio del boss, che con le loro incredibili interpretazioni riescono a dare spessore ai personaggi anche e soprattutto nei cambiamenti che entrambi hanno durante l'arco della storia.



Ad ogni puntata, l'atmosfera si fa sempre più pensate ed incerta, i conflitti si accentuano, tutte le alleanze che i protagonisti hanno cercato di creare rischiano di saltare, persone innocenti vengono coinvolte, giovani ragazzi abbandonano un lavoro sicuro ed onesto per inseguire l'illusione della potenza e del denaro, insomma ogni puntata è vissuta con il cardiopalma. La straordinarietà di questa serie televisiva è data anche da una colonna sonora incredibile curata dai Mokadelic e dalla canzone che accompagna i titoli di coda di NTO' feat Lucariello - Nuje vulimme 'na speranza.




I complimenti sono ovviamente d'obbligo anche ai registi che hanno diretto le varie puntate, Stefano Sollima, Francesca Comencini e Claudio Cupellini che sono riusciti a creare un prodotto di una qualità e di un realismo impressionante. Ad oggi mancano solo due puntate alla fine della serie e se da una parte attendo con ansia di sapere come andrà a finire, inizia già a sentirsi quella strana malinconia data dal fatto di dover restare senza un produzione di qualità che è diventato ormai un appuntamento fisso ogni martedì sera e di dover aspettare (...si spera!!!) ancora parecchio tempo per una seconda stagione.
Il successo della serie è davvero incredibile e questo mi lascia ben sperare per il futuro della produzione televisiva italiana ( anche se si sa, Sky è tutto un altro livello...), lo dimostra anche il fatto che sia già stata venduta in parecchi paesi e che gli ascolti continuano a crescere di puntata in puntata. Il mio consiglio è quindi quello di riprenderla il prima possibile se non avete avuto la possibilità di seguirla: difficilmente ve ne pentirete.



Da parte mia, non posso far altro che sperare che il mio personaggi preferito, Ciruzzo l'immortale, riesca a "superare" questo finale di stagione e a conquistare il ruolo che merita nel clan o per lo meno (versione super splatter!!!) che riesca ad ammazzarli tutti e a vendicare tutto quello che gli stanno facendo subire!



Voto: 9 1/2

4 commenti:

  1. Una serie EPICA!!! Non ho sky, ma fortunatamente esiste lo streaming... Anche se comporta la visione delle puntate con un giorno di ritardo (minimo)... Quindi tra il martedì notte e il mercoledì sera mi devo tappare orecchie e occhi... Comunque io credo che Cirù, sebbene lo chiamino "L'Immortale" ce lo siamo giocati... Ma spero di sbagliarmi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NOOOOOOOOOOOOOO!!! Non puoi dirmi questo!!! Come si fa senza Ciro?!?!? :( Speriamo di no dai...!!!

      Elimina
    2. Staremo a vedere... :-)

      Elimina
  2. Ieri sono andato a vedermi i primi tre episodi al cinema... 3 ore mi sono volate come fossero 10 minuti... Alla fine ho esclamato "No, ancora ancora ancora!!!!"

    RispondiElimina